#02 Onda Lunga – L’immaginazione al potere

"L'onda lunga del '68, Podcast", by: - 23 marzo 2019

Details

Primavera 1968. Parigi è messa a soqquadro da occupazioni, scontri e cortei. Una rivolta al limite dell’insurrezione generale, minaccia le istituzioni della Repubblica. È il cosiddetto Maggio Francese, evento simbolo del Sessantotto europeo.
Sono settimane durissime in cui per tutta la Francia gli studenti, ed in seguito anche gli operai, alzano barricate in ogni quartiere, contestando in maniera radicale un sistema ritenuto vecchio e distante dalle esigenze delle nuove generazioni. L’immaginazione al potere – così recitava uno degli slogan più famosi – sarà però un sogno destinato a infrangersi ben presto.

Tra gli aspetti più famosi di questa importante stagione, ci sono gli slogan e i manifesti prodotti dai giovani contestatori, in un’epoca in cui radio e giornali erano controllati dal governo. Alcuni di questi sono passati alla storia sia per l’originalità che per l’attualità dei contenuti. Ne abbiamo parlato insieme a Bruno Stucchi, autore del libro: “I manifesti del Maggio Francese”, edito nel 2018 da Skira.
1.a parte intervista: min. 11:55 – 21:27
2.a parte intervista: min. 25:25 – 32:47

In studio Diego Megale e Giulia Ronzoni.

Playlist:
Yann Tiersen – I’ve Never Been There
Fabrizio De Andrè – La Canzone del Maggio
Yann Tiersen – La valse de Ameliè
Yann Tiersen – Les Jours Tristes
The Beatles – Revolution
Plastic Ono Band – GIve Peace a Chance
Skegas – L.S.D.

Per la prima storia si ringrazia la fonte: Progresso Online “Storia sessantottina di un sogno francese”

Comments

Commenta su Facebook